3326 visitatori in 24 ore
 254 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sara Acireale

Sara Acireale

Scrivere è per me VIVERE, non posso farne a meno. La scrittura per me non è terapia e nemmeno una forma di evasione. È qualcosa di più, scrivendo cerco di fare la conoscenza con me stessa. Penso che la poesia sia come un fiore. Il fiore ha bisogno d'acqua e la poesia di stimoli, di lettura, di ... (continua)


La sua poesia preferita:
Un amico è come il sole
Quando
sei troppo solo,
non hai la forza
di lottare,
sperare,
sognare.

Quando
sei alla deriva
e ti senti sbattuto
dal vento
come una foglia
che sta per cadere.

Hai bisogno
di un essere speciale
che ti ascolta,
ti capisce,
non ti...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Risorgerai in un’alba di primavera
Il fumo della sigaretta
si dissolve nella sua spirale.
In testa i tuoi sogni,
il cuore pieno d’illusione.

Vorresti volare libera
come le rondini a primavera
ma... ombre evanescenti
appaiono per poi svanire.

Occhi ansiosi scrutano...  leggi...

Un sogno non muore
A Palermo era primavera
con canti d’uccelli
e rose in fioritura...

Primavera:
colori e profumi di libertà...
Libertà dalla prepotenza
e dalla mafia... era il sogno
di un uomo...

Senza tumulto in petto
con grande crudeltà,
trucidarono...  leggi...

Per lavoro si muore
Un tonfo...
un urlo disumano.
Il sangue bagna la terra,
ancora lacrime,
ancora dolore.
Un'altra bara...
una mamma piange.
Famiglie in lutto,
tanta disperazione.
Vite spezzate
dal lavoro nero.
Chi perisce...
lascia affanni e...  leggi...

Un liocorno bianco con le ali d’oro
Sere vuote giorni grigi,
senz’amore, senza dolore...

In questa stanza è già buio ormai,
sento che sono stanchi gli occhi miei.

Se la vita più niente mi darà,
se chi tanto aspetto è lontano ormai,
voglio partire... mai più ritornare
nuove...  leggi...

Non fare morire una stella
Quando una donna piange
una stella muore...

La tristezza porta
alla solitudine,
all’abbandono, all’oblio...
L’orecchio non sente più
nessun richiamo d’amore...

Nel viso smarrito
si affievolisce la luce
prigioniera del sorriso...

Non...  leggi...

Dottor Jekill e mister Hyde
Cercava gocce di rugiada
per combattere il caldo.
Insicura
e barcollando ha camminato
per le strade di notte
tra civette e barbagianni.
Ti ha incontrato...
Dottor Jekyll nei suoi sogni
e mister Hyde nella strada buia.
Ferita,
lacera e...  leggi...

Belve dai mille artigli
La nostra storia insegna
che nel cuore umano v'è del fiele
e nella mente degli uomini regna
il vecchio orgoglio che uccise Abele.

Istigare all'odio non è un'opinione
può diventare un'aberrazione.
E' stata una grande piaga...  leggi...

Il volto di Gesù
Da tempo avevo perduto Gesù,
il suo volto non ricordavo più.
Però un giorno lo trovai,
nel mio cuore lo portai.

Nel parco un uomo passeggiava,
era tranquillo e nessuno passava
quando d’un tratto alcuni ragazzi
sono sbucati e sembravano...  leggi...

Benvenuto amore
Il nostro incontro
è stato un caso,
un fulmine, un bagliore,
mi hai incantato
col tuo buonumore.

Vorrei capire
se esisti davvero,
se sei un sogno
oppure sei vero.

Buongiorno amore
ti vedo ogni mattino
mentre assieme
prendiamo il...  leggi...

Gli occhi dei bambini sono fiori
Sorridono
emanano luce.
Sono grigi,
neri o azzurri.
Hanno vari colori.

Sono freschi
di rugiada mattutina,
la luna
ogni notte li accarezza.
Brillano
al sole dell’estate.

Gli occhi dei bambini
sono fiori che s’aprono
all’alba della...  leggi...

Tempesta
La tua esistenza
è un mare in tempesta.

Ti osservo,
vorrei dirti
che ho paura dei tuoi "viaggi".

Forse non lo sai
ma esisti
oltre l’infinito,
oltre l’orizzonte.

E’ difficile capirti...

Sprechi la tua vita
Per il "viaggio" di...  leggi...

Sara Acireale

Sara Acireale
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Un amico è come il sole (09/07/2009)

La prima poesia pubblicata:
 
Clandestino (18/09/2008)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Le onde si frantumano (24/08/2019)

Sara Acireale vi propone:
 Gli occhi dei bambini sono fiori (13/08/2009)
 Il volto di Gesù (08/10/2008)
 Benvenuto amore (25/02/2009)

La poesia più letta:
 
Un amico è come il sole (09/07/2009, 19930 letture)

Sara Acireale ha 11 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Sara Acireale!

Leggi i segnalibri pubblici di Sara Acireale

Leggi i 9921 commenti di Sara Acireale


Leggi i racconti di Sara Acireale

Le raccolte di poesie di Sara Acireale


Autore del giorno
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Autore della settimana
 settimana dal 30/07/2018 al 05/08/2018.
 settimana dal 02/10/2017 al 08/10/2017.
 settimana dal 19/12/2016 al 25/12/2016.
 settimana dal 18/05/2015 al 24/05/2015.
 settimana dal 07/07/2014 al 13/07/2014.
 settimana dal 27/01/2014 al 02/02/2014.
 settimana dal 19/08/2013 al 25/08/2013.
 settimana dal 11/03/2013 al 17/03/2013.
 settimana dal 27/08/2012 al 02/09/2012.
 settimana dal 26/03/2012 al 01/04/2012.

Sara Acireale
ti consiglia questi autori:
 Pagu
Giovanni Chianese
 Anna Di Principe
 Barbara Filippone
 Giacomo Scimonelli

Seguici su:



Cerca la poesia:



Sara Acireale in rete:
Invia un messaggio privato a Sara Acireale.


Sara Acireale pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Povera gente

Varvara Dobroselova e Makar Alekseevic Devushkin sono cugini di secondo grado e vivono uno di fronte all'altra sulla (leggi...)
€ 0,99


Considerazione dell'autore
«Purtroppo succede che persone dall'aspetto distinto, dai modi cortesi, riveriti e omaggiati da tutti, sono invece degli emeriti egoisti e ipocriti. Sono persone che ritengono di essere cristiane perché vanno in chiesa la domenica e, magari fanno pure la comunione. Se vedono un barbone però non hanno pietà, sentono puzza sotto il loro "delicato" naso e si allontanano dal poveretto come da un appestato...»
Inserita il 27/10/2015  

Sara Acireale

Si riteneva giusto, quasi santo

Sociale
Un uomo credeva d’essere cristiano
diceva di amare Dio, andava
in chiesa e si batteva il petto.

Dichiarava di non essere razzista
ma intanto odiava i clandestini
che per vivere vendono accendini.

Aveva un bel giardino, un cane e tre gattini
che mangiavano carne, pesce e croccantini.

Si riteneva giusto, quasi santo
in pace col creato e il Creatore
La gente lo riteneva gran signore
e lui ringraziava con un dolce canto.

Vicino alla sua villa viveva un marocchino

Non aveva una casa: per tetto il cielo
poi una coperta e un pezzo di cartone
per coprirsi di notte, nella sua panchina.

Le sue mani avanzavano ignare,
sentiva il freddo e il buio sulla pelle.
Pregava Allah e pensando alla sua
terra, piangeva e gli tremava il mento.

Fremeva il suo cuore e soffocava
in gola il rancore e il risentimento.

L’uomo "giusto" passava ogni mattina
con sguardo di disprezzo verso la panchina

Una notte il barbone fu bruciato
da balordi a cui il cervello era saltato

Festeggiò il ricco la morte del barbone
con fiumi di champagne, nel suo immenso salone

Cala il sipario sull’uomo santo e giusto,
si è dissolta una coltre di fitta nebbia




Club Scrivere Sara Acireale 23/07/2015 08:16| 18| 1902


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Annamaria Gennaioli - Rosita Bottigliero - Pagu - Anna Di Principe - Donato Leo - Giovanni Chianese
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.


 

I commenti dei lettori alla poesia:

smiley Mostra eccessivo modo di apparire caritatevole per via dell'ingiustificato e negativo giudizio fantasioso- (Maria Roccisano)

Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Sicuramente accadrà anche nella realtà, non è soltanto fantasia. Gli uomini sono fatti tanti modi: buoni e cattivi. Una poesia che denuncia un problema sociale attualissimo.»
Club ScrivereUmberto De Vita (23/07/2015) Modifica questo commento

«Versi che portano a riflettere, entrambi devoti alla preghiera, il ricco ringrazia, il barbone implorava, il barbone muore lasciando il terreno fatto di stenti, il ricco rimane tra la coltre di fumo che prima o poi l'inghiotte. Razzismo credo sia una parola grande, forse noi umani dovremmo solo mettere in pratica un po' di più l'amore quello vero che Dio c'insegna ma, il bene materiale e superfluo vincono e, non tutti quelli che si professano buoni cristiani lo sono perché praticano, ci vuole cuore e animo che dimostrino. Ci aspettiamo tanto da chi può, ma è chi non ha, che divide quello che ha, con chi ne ha bisogno. Dimenticavo se siamo tutti fratelli sotto uno stesso tetto, dovremmo dormire tutti in un comodo letto.»
piera tola (23/07/2015) Modifica questo commento

«E coltre di nebbia sia... occorre meditare su questa situazione purtroppo reale.»
Antonella17 (23/07/2015) Modifica questo commento

«Purtroppo l'egoismo e il razzismo sono di questo mondo. Il ricco guarda con sufficienza il povero, in questo caso era un povero senza casa che viveva sulla panchina coadiuvato da una corda ed un cartone, dei balordi lo bruciano, proprio come è successo nella realtà. Una poesia che dà modo di meditare sulle varie realtà e le loro sfaccettature. Versi che denunciano la cruda realtà. complimenti a questa lirica.»
Grazia Denaro (23/07/2015) Modifica questo commento

«Trovo in questi versi un mix evangelico tra la parabola del pubblicano ed il fariseo con quella del ricco Epulone.
Traspare forte l'animo sensibile dell'autrice... capace di percepire i drammi di chi è più sfortunato di noi, fino a giungere a quell'epilogo che macchia indelebilmente d'infamità il genere umano.
Purtroppo...è meno fantasiosa di quanto si pensi.»
Club ScrivereRiccardo Ruschetti (23/07/2015) Modifica questo commento

«Una lirica che si insinua all'interno della nostra anima... Versi che fanno riflettere, versi che paiono regalare il senso della vita a chi, "parcheggiato in scatole verniciate di fresco", quel senso non ha più... molto bella!!!!»
Maurizio Trapasso (23/07/2015) Modifica questo commento

«Bella, una poesia che ti fa riflettere, letta e riletta per la musicalità delle parole e per la verità che si cela tra di esse, l'ipocrisia ci sovrasta ci cironda e 'uomo giusto quello che appare poi alla fine dice sempre l'ultima parola...»
Club ScrivereAnnamaria Gennaioli (23/07/2015) Modifica questo commento

«problema attuale... della malvagità e bellezza dell'animo umano-
versi reali e pieni di verità. complimenti»
Club ScrivereRosita Bottigliero (23/07/2015) Modifica questo commento

«Un testo importante che induce a riflessioni molto serie. Spesse volte si ha la tendenza a giustificare totalmente le nostre azioni e pensieri, ostinandoci, invece, nel criticare gli altrui comportamenti. Altre ancora crediamo che la giustizia regni sul nostro operare senza renderci conto che si pecca di obiettività. La poetessa ci mette davanti a queste circostanze e fa capire come sbagliare sia tanto facile, quando ci crediamo ciò che, in realta, non siamo. Penso che questa poesia vada letta e riletta assai spesso, perché potrebbe aprirci gli occhi e porci davanti a una realtà che spesso fugge. Complimenti all'autrice... un lavoro da ricordare.»
Club ScriverePagu (23/07/2015) Modifica questo commento

«E' un testo che fa riflettere... la poetessa versifica su un tema di grande attualità dove il cinismo e il profondo individualismo fanno dimenticare di essere disponibili verso chi è più debole... C'è assenza di solidarietà. ...praticata solo da pochi, purtroppo. La lirica ci pone di fronte a delle vicende e storie, a cui assistiamo ogni giorno... complimenti e grazie
alla Poetessa per questa denuncia, che deve far riflettere ognuno di noi.»
Club ScrivereAnna Di Principe (23/07/2015) Modifica questo commento

«Per fortuna la saggezza e la santità si manifestano unicamente con le proprie azioni e non con "l'iscrizione" ad una fede che rimane solo pura teoria.
Giustissimi e sacrosanti versi, questi.»
Azar Rudif (23/07/2015) Modifica questo commento

«Su questa terra nessuno è santo e molti non sono giusti. Il barbone che viene disprezzato dal ricco e che si brinda perché le sue carni sono state divorate dalle fiamme, non è proprio giustizia. E' il comportamento che viene apprezzato. Il razzismo no, siamo figli di Dio e per questo dobbiamo aiutarci uno con l'altro.»
Club ScrivereDonato Leo (24/07/2015) Modifica questo commento

«nessuno è nel giusto e ancor di più un santo... la carità non va di pari passo con la fede a cui si dice di aderire o di credere... contano i fatti ...versi di denuncia che sono un'ottima riflessione per meditare ...apprezzata»
Club ScrivereGiacomo Scimonelli (24/07/2015) Modifica questo commento

«Una bella parabola descritta con l'anima è lirica di un'abile maestra sul sociale. Mette a nudo l'apparente fede di un benestante che agli occhi di tanti sembra essere un gran bel signore, buono, caritatevole, un santo diremmo dalle nostre parti ma a quanto pare, alla luce dei fatti, la sua anima, mascherà di bontà, dimostra di essere il diavolo in persona. Da questa brava poetessa c'è sempre da imparare, soprattutto ad amare il prossimo come te stesso, siamo tutti figli di Dio, Lui non ha creato né ricchi né poveri, ma esseri umani.»
Giovanni Chianese (24/07/2015) Modifica questo commento

«Il vivere di certi "santi" è contrassegnato più dall'appartenenza che da un anelito spirituale. spesso la spiritualità la si trova in personaggi che non ostentano il loro essere credenti, non ne hanno bisogno in quanto ne sono talmente pervasi che la vivono come fosse cosa naturale. Trovo la poesia significativa, priva di retorica e con rime belle e non scontate.»
Massimiliano Moresco (24/07/2015) Modifica questo commento

«Chi osserva la legge di Dio non osserva la legge dell'"IO". Non vive da lontano i problemi dell'uomo, ignorando o addirittura odiando, perché sarebbe disumano. Quella mano così inutile a "recitare" in Chiesa l'esser cristiano dovrebbe esser tesa ad aiutare i più deboli e soli, a stringere l'altrui mano, con cuore, per alleviar le sofferenze ed infondere coraggio ai veri martiri della società. Bei versi in questa attuale, profonda e sentita lirica che dovrebbe far riflettere. Complimenti, una bella esposizione.»
Club ScrivereAngela Schembri (25/07/2015) Modifica questo commento

«Quanta indiscutibile verità in questo lavoro di forte denuncia da parte della brava poetessa! Vive ancora oggi fra noi il ricco Epulone e anche il povero mendicante che non si chiama più Lazzaro ma forse ha un nome marocchino o somalo. Giù la maschera di ipocrisia, l'egoismo rende ciechi! Una poesia a cui dò il mio plauso!»
Daniela Zarriello (27/07/2015) Modifica questo commento

«Un racconto di fantasia che rispecchia una realtà amara, un invito per tutti noi a riflettere.
Versi apprezzati, letti con coinvolgimento.»
Club ScrivereCinzia Gargiulo (28/07/2015) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it